Pasta con i tenerumi

pasta con i tenerumiMinestra e estate a casa nostra fanno fatica a stare nella stessa frase. Tutto ciò che è caldo e fumante viene sistematicamente bandito per almeno un paio di mesi, nonostante io ogni tanto ci provi a fare la furba e a infilare nel menù qualcosa di cotto. Ma IP non ne vuole sapere. E’ un integralista lui e il massimo che ci concede è di cuocere la pasta per fare una insalata. Poi però succede – e giuro che non è colpa mia come magari qualcuno di voi sta pensando, perché non arriverei mai a simili “bassezze” per un piatto di minestra – succede, dicevo, che lui si becca un raffreddore estivo coi fiocchi, di quello “babba bia gome bi sendo male”. Fuori il cielo è un po’ grigio e non fa nemmeno caldissimo e lui è a casa che si trascina dietro pacchi di fazzoletti di carta. Cosa posso desiderare di più?! E’ il giorno perfetto per preparare la mia amata minestra di tenerumi senza che nessuno opponga resistenza. Che poi, non è che a IP i tenerumi non piacciano, Anzi. Il problema è che diventano troppo caldi per i suoi gusti estivi.

A me queste foglie della pianta della zucchina lunga, insaporite con un po’ di pomodoro, piacciono tantissimo e rimane un mistero il fatto che non si consumino in nessun’altra parte d’Italia. Il che fa della pasta con i tenerumi una delle specialità locali. Peccato ci siano solo d’estate, quando le zucchine verdi lunghe crescono rigogliose, perché io potrei consumarli tutto l’anno, preparati secondo la ricetta della mia mamma.

pasta con i tenerumi

Pasta con i tenerumi
Prep time: 
Cook time: 
Total time: 
Porzioni: per 4 persone
 
Ingredienti
  • 2 mazzi di tenerumi
  • 2 pomodori pelati o da salsa
  • olio evo
  • sale
  • pepe
  • 280/300 gr spaghetti
  • parmigiano grattugiato
Istruzioni
  1. Lavate per bene le foglie dei tenerumi, tamponatele con un panno per togliere l'acqua in eccesso e tagliatele a pezzetti. In una padella versate un paio di giri d'olio e, se lo gradite, fate soffriggere leggermente uno spicchio d'aglio. Io con l'aglio ho qualche difficoltà quindi ho eliminato questa parte e metto direttamente nell'olio i pomodori fatti a pezzetti. Salateli e lasciateli insaporire in modo che formino una salsina. Intanto mettete sul fuoco la pentola per la pasta e non appena l'acqua bolle, salate e versate dentro i tenerumi. Quando l'acqua con i tenerumi riprende il bollore, calate gli spaghetti che avrete spezzato. A metà cottura della pasta, circa, aggiungete nella pentola il sughetto di pomodoro e ultimate la cottura. Servite la minestra con una spolverata di pepe e, secondo il gusto, di parmigiano grattugiato.

Naturalmente ogni famiglia ha la propria versione della pasta con i tenerumi. Potete servirla più o meno brodosa, gustarla bollente o lasciarla intiepidire un po’. La mia mamma, ogni tanto, per renderla ancora più succulenta, mette sul fondo del piatto dei pezzettini di parmigiano che poi, col calore della pasta, si ammorbidiscono che è una meraviglia. Devo aggiungere altro?


8 thoughts on “Pasta con i tenerumi

  1. Ieri sera abbiamo consumato la nostra prima zuppa. Però siamo a qualche centinaia di km più a nord di voi e con una grandinata che incombeva. Lo ammetto: dal punto di vista gastronomico faccio il tifo per l’inverno perché senza zuppe, minestre e affini proprio non ce la faccio a stare 🙂
    Ciao Clara e IP, ben ritrovati 🙂

    • Bentornata! Io adoro tutte le stagioni gastronomiche, non c’è niente da fare. Ognuna è così ricca di cose buone che davvero è impossibile scegliere.
      E così, ogni tanto, in estate faccio qualche minestra come questa. Un abbraccio

  2. Ahahah! In effetti anche io fatico a mangiare le zuppe in estate, anche se quando vedo quei bei borlotti freschi che spuntano sui banchi del mercato, una pasta e fagioli mi piace farla. E ti dirò di più: mia nonna (quella molisana) preparava le sagne e fagioli pure al mare, quando ero piccola 😀
    Stupenda questa zuppa: la mangerei volentieri stasera, che qui inizia a far freddo 🙂
    Un bacione

    • Ecco, la pasta e fagioli freschi è un’altra di quelle cose fumanti tipiche dell’estate che adoro. Dici che dovrò aspettare il prossimo raffreddore?! 😉 Un bacione

  3. essì, devi aggiungere un posto a tavola picchì lo sai che a me anche se fa caldo mi mancio pure le cose calde. Mi dispiace per il raffeDDore ma non tutti i mali vengono per nuocere no?
    :*
    auguri di pronta guarigione, vedrai che sarà più veloce con questa pasticedda *
    Cla

    • Bella mia, lo so che tu ami il sole e il caldo e non avevo dubbi che una bella minestra ti sarebbe proprio potuta piacere. Lui tui ringrazia per gli auguri. Un bacione

  4. Ricetta tipica della Sicilia, e della zona del palermitano in particolare. Adoro questa pasta, che purtroppo non riesco a mangiare tanto spesso da quando abito a Milano ma che chiedo a mia mamma quando torno giù a Palermo come se le chiedessi di preparare chissà quale raffinatezza di alta cucina. Paragonabile ad un dolce, come gradevolezza, la pasta con i tenerumi è uno spettacolo puro! Complimenti per la ricetta.

    • E’ vero, la pasta con i tenerumi è davvero buonissima e capisco perchè desideri mangiarla ogni volta che torni in Sicilia. Pensa che noi congeliamo i tenerumi già puliti e tagliati, pronti da consumare all’arrivo di parenti e/o amici che ormai vivono lontano dall’isola e che, in questo modo, riescono a mangiarla in qualunque stagione.